Stampa

Termocamini policombustibili

Termocamini policombustibili

Termocamini policombustibili

I termocamini policombustibili sono straordinari mezzi di riscaldamento alimentati da scarti della lavorazione del legno e da residui agricoli come pellet; cippato; sansa; mais; gusci e semi legnosi di diversi frutti. Una caratteristica che viene da un binomio vincente per l’ambiente: l’innovazione tecnologica della fumistica e la razionalizzazione della produzione dei comparti forestale e agroalimentare. Sono macchine versatili e funzionali che offrono un alto rendimento termico e di conseguenza anche l’ottimizzazione dei consumi; a questo si aggiunge anche un ulteriore risparmio perché gli scarti agricoli e legnosi sono più economici rispetto agli altri combustibili fossili. Anche il rapporto qualità-prezzo è molto vantaggioso e alcuni usufruiscono del Conto Termico 2.0

 

A seconda della versione possono essere alimentati solo a pellet; a legna e pellet (ovvero i combinati); oppure utilizzare qualsiasi combustibile trito come pellet, cippato, gusci ecc. Tutti i modelli hanno un del serbatoio per lo stoccaggio combustibile e quindi assicurano una lunga autonomia di riscaldamento giorno e notte.

Si possono anche integrare agli impianti di termosifoni (sia a quelli tradizionali con i radiatori che a quelli a pavimento) indipendentemente dal fatto che siano di nuova costruzione o esistenti; inoltre alcune versioni offrono l’opportunità di accumulare l’acqua calda sanitaria in un boiler così da garantirne la disponibilità costante per tutti gli usi domestici.

Scegliere di installare un camino policombustibile non significa rinunciare al design perché la varietà è così ampia che si trova sempre quello adatto per il proprio ambiente; dai classici caminetti frontali (quadrati e panoramici 16:9) a quelli angolari, con vetro curvo o a prisma ci si può davvero sbizzarrire tanto nelle dimensioni quanto nelle prestazioni. Infine quasi tutti possono essere personalizzati anche con rivestimenti su misura.